La Città: 

Sannitica 

Romana 

Longobarda 

Pontificia 


La città: 

I Servizi 

I problemi 

Il "Palazzo" 


La città Cristiana: 

La Cattedrale 

Le parrocchie 

SS. Maria delle Grazie 


CATTEDRALE DI BENEVENTO: Tesori d'arte

TESORI DI ARTE NEL DUOMO di Benevento


Vai alla 

JANUA MAJ0R

la Porta di bronzo del duomo di Benevento

VAI ALLA SCOPERTA DELLA VITA DI GESU' NARRATA SULLA SPLENDIDA JANUA MAJOR DELLA CATTEDRALE DI BENEVENTO


Se vuoi scrivermi clicca qui sotto

 

 

BENEVENTO   

   Adagiata nella conca dove confluiscono i fiumi Sabato e Calore, Capitale dell'antico Sannio, città romana, cuore della Longobardia minor,isola Pontificia nel sud Italia, Benevento è la città dai cento volti ma radicata nel Cristianesimo delle origini. 

   S.Gennaro, S. Artelaide, S.Benedetto da Benevento, S.Giuseppe Moscati, S. Pio da Pietrelcina, sono nati e vissuti in questa Terra del Sannio che ha accolto i primi germi della nascente religione cristiana. 

   A Maria Santissima la città è legata da un amore straordinario e tenerissimo. Ma si tratta pur sempre di un amore bisognoso di crescere e maturare per edificare la civiltà dell'amore e della pace. 

Un Paese che in tantissime attività sembra percorrere le vie del progresso tecnologico, ma  sta calpestando, a colpi di piccone, le categorie più indifese della popolazione: gli anziani, i malati, i disabili, gli emarginati, i poveri.

 

BENVENUTI NEL BANGLADESH! NO, QUESTA è L'ITALIA DI OGGI

No. Questo non è il Bangladesh. È l’Italia di oggi. Un Italia miscredente e disumana, che si commuove per un cagnolino o una tartaruga che muore, ma chiude gli occhi di fronte alla sofferenza di un malato, di un anziano, di una persona sola che si consuma nel dignitoso silenzio della sua abitazione. Quest’Italia non ha futuro, perché non ha più radici: etiche, morali, cristiane. Questa è l’Italia di oggi.  

 

Donato Calabrese 

    Al di là della facile provocazione, è molto triste quanto sta accadendo in Italia: un Paese che in tantissime attività sembra percorrere le vie del progresso tecnologico, ma  sta calpestando, a colpi di piccone, le categorie più indifese della popolazione: gli anziani, i malati, i disabili, gli emarginati, i poveri.

   Logicamente non è l’Italia intesa come popolo, a fare questo, quanto le istituzioni che gestiscono una miriade di servizi che dovrebbero essere a favore delle categorie più indifese, ma sembrano fatti apposta per mettere in difficoltà queste tipologie di persone, che, altrimenti, meriterebbero ben altri trattamenti: più umani e meno tecnologici.

   Partiamo dalla lettera che molti di noi hanno ricevuti dall’ISTAT, Istituto Generale di Statistica. Essa annuncia una rilevazione che sarà effettuata dall’8 ottobre al 20 dicembre 2018. Per “collaborare” a tale rilevazione, ognuno di noi dovrà mettersi davanti al computer per collegarsi a questo indirizzo: https:/raccoltadati.istat.questionario, fornendo, logicamente, il dodice utente, etc…

   Le famiglie che non avranno compilato il questionario saranno contattate da un operatore comunale per un’intervista telefonica faccia a faccia.

   Se neanche in questo caso le famiglie collaboreranno, ci saranno le sanzioni: manco se gli italiani fossero delinquenti. Ma quanti disabili, quanti poveri, quanti anziani, o persone perennemente in viaggio, sanno mettersi davanti a un computer? Ecco la tecnologia che ti riduce in schiavitù. È il grande Fratello, non di Canale 5 - quello è farsesco - ma il grande Fratello di Orwelliana memoria, identificabile in tanto Organi nazionali insensibili verso le categorie più fragili della cittadinanza: coloro che una volta hanno fatto il loro dovere per la costruzione di un mondo migliore. Un mondo che ora è divenuto più tecnologico e meno umano, anzi chiaramente disumano.

   Anche l’INPS, Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, offre i suoi servizi a chi è capace di mettersi davanti a un computer: collegarsi a Internet (E chi non ce l’ha il computer o internet? E chi non sa maneggiare neanche un cellulare? O non può permettersi, né il computer né questi aggeggi), digitare il puk , il pin, o che altro…. E poi richiedere i vari servizi.

   Anche per l’accesso ad alcuni servizi comunali, il rapporto personale è ormai ridotto ai minimi termini: fa tutto la tecnologia.

   Gli uffici comunali, specialmente quelli addetti particolarmente a rapporti col pubblico, dovrebbero posti in luoghi facilmente accessibili, e senza barriere architettoniche, per permettere anche agli anziani e ai malati, la fruizione di determinati servizi essenziali, come l’anagrafe, la carta di identità, etc… E invece no. Il Comune di Benevento ha delocalizzato da tempo tali servizi in una zona vicino al fiume, che è servita da una ripida e lunga scalinata. Alla faccia del rispetto per i malati  e gli anziani. Una volta c’era la Scala mobile. Ma anni fa si è guastata e, invece di ripararla, il Comune di Benevento sta spendendo soldi per costruirne un’altra. Dove sta il rispetto per le categorie più fragili e debilitate? Dove sta l’etica e la morale di un ente comunale che dovrebbe pensare innanzitutto al bene dei concittadini, di qualsiasi estrazione o efficienza fisica e intellettiva.

   Parliamo degli ospedali. Ormai è latente un atteggiamento di disinteresse sanitario verso le persone più anziane. Avrei tante testimonianze da presentare.  Tempo fa, mi sono fatto portavoce delle sofferenze morali di una coppia di anziani e di come erano stati trattati in alcune strutture sanitarie di cui non faccio il nome. Avevo anche la testimonianza scritta, che ho inviato, insieme con una mia riflessione, ai giornali locali. Nessuno me l’ha pubblicata. Che coraggio! E sotto questa documentazione c’era la firma dell’uomo che mi ha raccontato tutto, oltre alla mia firma.

   Io non generalizzo, ma voglio esortare gli operatori sanitari con questo detto di antica matrice biblica: “Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te stesso”. Guai a voi che trascurate i malati anziani! Guai a voi che maltrattate i malati! Dalle mie parti si dice: “La lingua è senz’osso, ma rompe l’osso”. C’è un Dio Buono e misericordioso, lento all’ira. Lui vede tutto. 

   Le camere mortuarie sono l’espressione più evidente di come gli enti ospedalieri considerano le persone decedute. Sono poco più che dei garages. Che tristezza! Che amarezza! Che delusione!

   I vivi che fanno compagnia ai loro cari, mi fanno più pena di coloro che sono morti e giacciono in locali che non meritano di essere chiamati MORGUE. La morte è un grande mistero e va rispetto anche dai vivi. Francesco d’Assisi, patrono d’Italia, diceva nel suo Cantico delle Creature: “Laudato sii, o mio Signore, per nostra sora Morte corporale, dalla quale nessun uomo vivente può scampare”.

   È dovere di ogni cristiano dare una dignitosa accoglienza a chi ha consumato la sua vita e giace in una camera mortuaria. Ma è estremamente deplorevole che degli Enti ospedalieri, anche quelli a carattere religioso, accolgano in locali tristi, freddi, disadorni, e senza alcun segno di speranza - come un crocifisso o un’immagine di Maria Santissima - i corpi di coloro che sono morti e i loro congiunti che li piangono con estremo dolore.

    Ho detto prima: Benvenuti nel Bangladesh!  No. Questo non è il Bangladesh. È l’Italia di oggi. Un Italia miscredente e disumana, che si commuove per un cagnolino o una tartaruga che muore, ma chiude gli occhi di fronte alla sofferenza di un malato, di un anziano, di una persona sola che si consuma nel dignitoso silenzio della sua abitazione. Quest’Italia non ha futuro, perché non ha più radici: etiche, morali, cristiane. Questa è l’Italia di oggi.  

Telebene

la televisione spirituale

VIVERE LA SPERANZA

Per coloro che abitano nelle province di Benevento e Avellino

Vivere la Speranza è presente sulle seguenti Televisioni e Siti web:

TELEGOLFO Minturno

Canale 810 del digitale terrestre:

Venerdì ore 19,00 - Sabato ore 23,00 - Domenica ore 9,3

On line su

TELEBENE

YouTube: TELEBENE

Sito curato da

Donato Calabrese

Guida turistica Benevento e Pietrelcina




PER TE GIOVANE CHE SEI ALLA RICERCA...

 

Per Te Giovane...

VIENI CON NOI

 

Tutti i testi e le immagini di questo sito (comprese le pagine collegate) sono copyright. Pertanto il loro utilizzo, senza l'autorizzazione da parte dell'autore, Donato Calabrese, è assolutamente vietato, ai sensi delle leggi vigenti.

copyright © 1998 by Donato Calabrese

All rights reserved

Aggiornato al 7/11/2018

   Questo Sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

 

 

 


BENEVENTO

IERI

 


BENEVENTO OGGI

 


BENEVENTO CRISTIANA

 

ALTRI SITI

DELLO STESSO AUTORE

VISITA IL SITO GESU' DI NAZARETH

GESÙ DI NAZARET

MARIA, TENEREZZA DI DIO

MARIA TENEREZZA DI DIO

PADRE PIO DA PIETRELCINA  

PADRE PIO DA PIETRELCINA

PIETRELCINA, la città natale di Padre Pio  

PIETRELCINA

LA CITTÀ

NATALE

 DI

PADRE PIO

CENACOLO EUCARISTICO MARIANO  

CENACOLO EUCARISTICO MARIANO

Telebene 

Donato Calabrese  

DONATO CALABRESE