Padre Pio da Pietrelcina

"Uno squarcio di Cielo sul mondo"

Il Centro storico di Pietrelcina

Pietrelcina, in provincia di Benevento, è la città natale di Padre Pio. Qui è avvenuto tutto: "Vai a Pietrelcina, e metti tutto a posto, perché tutto è avvenuto lì. Lì c'è stato Gesù"

La Vita, la Spiritualità, la Dimensione mistica, i miracoli, compiuti da Dio per mezzo di Colui che può essere definito la Meraviglia del Ventesimo Secolo

Per incontrare Padre Pio bisogna conoscere Pietrelcina. Nell'incantevole cittadina della provincia di Benevento, infatti, egli ha vissuto la sua infanzia ed adolescenza, dal 1887, anno in cui è nato, al 1903, quando è partito per il convento. Poi, tornato nel maggio del 1909, vi è rimasto, tranne che per brevi periodi che lo hanno visto alle prese con gli impegni militari, fino al 17 febbraio del 1916, allorché è cominciata la sua missione verso il Gargano.

O Gesù, un’altra cosa… io ti amo… assai… voglio essere tutto tuo… non vedi ch’io ardo per te?... Tu mi chiedi amore, amore, amore, amore… ecco io ti amo… vieni in me tutte le mattine… stiamo, stiamo soli… io con te solo, tu solo con me… O Gesù, dammi il tuo amore… quando tu vieni nel mio cuore, se tu vedi qualcosa che non piace al tuo amore, distruggila… Io ti amo…”

Padre Pio Beato e Santo

LA MISTERIOSA ESPRESSIONE DI PADRE PIO STIGMATIZZATO


   La foto che ho postato, risale alla riapparizione delle stigmate di Padre Pio, evvenuta il 20 settembre 1918, quindi otto anni dopo.

   Guardando e riguardando la foto, mi sono sempre chiesto cosa volesse dire l'espressione facciale di Padre Pio.

   Dopo aver lungamente meditato e riflettuto, anche sulla storia precedente e successiva della riapparizione delle stigmate, avvenuta nel coro cappuccino di Sant Giovanni Rotondo, ho finalmente compreso l'enigma. Innanzitutto, Padre Pio non avrebbe mai voluto che fosse fotografato con le piaghe ben evidenti. È stato il superiore pro tempore del convento a dirgli di farsi fotografare, e lui che nell'obbedienza ai superiori ha sempre visto l'obbedienza a Dio stesso, ha accettato, anche se con una carta sofferenza e amarezza.

   Quindi, quel volto enigmatico di prima, mi è stato più semplice e comprensibile: era un Padre Pio profondamente amareggiato, deluso, profondamente addolorato, per farsi scattare la foto con le stigmate. Fosse dipeso da Lui, non lo avrebbe mai fatto. Anzi, quando nel 1910 riceve per la prima volta i MONILI DELLO SPOSO (le stigmate), va dal parroco di Pietrelcina, e gli dice: "Zi Tore (don Salvatore Pannullo), chiediamo al Signore di fare scomparire queste vergogne. Io voglio soffrire, ma nel nascondimento.

   Gesù fa scomparire i segni esterni delle stigmate, senza far andare via le sofferenze, come scrive Padre Pio in una sua lettere: "Dal giovedi al sabato è un continuo dolore alle mani, ai piedi, e al costato".
   Nella clausura di San Giovanni Rotondo, Gesù permette che le stimmate riappaiano in superficie. Ma prima gli dice: "Ti associo alla mia Passione". Proprio ciò che Padre Pio anelava fin dalla sua infanzia.
   Ecco perché la prima foto che ho postato, e che sembra la meno autentica del giovane Padre Pio, è la più genuina, perché sul volto del Santo di Pietrelcina appaiono, anche se celati nel suo intimo, ma appena percettibili, l'amarezza, la perplessità, l'incomprensione, per la foto che è stata scattata solo per ubbidienza ai superiori.

   Ma la foto dimostra ancora di più la profonda umiltà, semplicità, mitezza, coniugate con il completo abbandono alla volontà di quello stesso Dio che avrebbe rispettato i moti profondi, puri, umili, discreti, del Frate di Pietrelcina. Quel rispetto dolcissimo, da parte di Dio, che è mancato nei superiori cappuccini, provocandogli una grande sofferenza morale che si intravede, anche se pallidamente, sul suo volto.

   Ecco la santità più autentica! Quella che ti rende simile a Dio, ma ti distanzia enormemente dalla logica umana.   

 Leggi tutto 



DONATO CALABRESE 

Guida Turistico Spirituale 

Pietrelcina e Padre Pio

Donato Calabrese Guida turistico Spirituale Pietrelcina e Padre Pio





A TUTTI VOI PELLEGRINI E VISITATORI CHE VISITATE PIETRELCINA E SAN GIOVANNI ROTONDO

   Per visitare, conoscere, ed amare veramente Padre Pio e i Luoghi che custodiscono i suoi Ricordi soprannaturali a Pietrelcina e dintorni, non affidatevi all’improvvisazione ed alla superficialità, di Guide turistiche che sono estranee al territorio e al Sannio. Ci vuole ben altro per accompagnarvi alla scoperta dell'incommensurabile Mistero d'amore che ha avvolto San Pio qui, a Pietrelcina. In tal caso, non basta una semplice guida turistica, seppure patentata dalla Regione Campania.       

   Occorre ben altro: una guida turistica e Spirituale che abbia incontrato più volte Padre Pio e lo abbia conosciuto: Donato Calabrese. Appassionato di mistica e spiritualità cristiana, oltre che Biografo e Storico di Padre Pio, avendolo anche incontrato personalmente varie volte nella sua vita, abbracciando la sua stessa spiritualità e mistica oblativa, per la sua specifica conoscenza della vita di Padre Pio, oltre che della sua spiritualità, Donato Calabrese ha un rapporto spirituale privilegiato con Lui.


Il 27 settembre 1968 viene aperta la cripta della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dando inizio all’afflusso dei pellegrini attorno alla tomba di Padre Pio. Una venerazione che sembra non interrompersi neanche negli anni successivi, quando tutto il mondo conosce la fama della santità e i prodigi straordinari legati alla sua esistenza e missione, mentre, qualcosa di insolito e di miracoloso sembra anticipare il sole sfolgorante della Sua Pasqua. 


DUE APPARIZIONI DIVERSE DI PADRE PIO DOPO LA SUA MORTE


   Nella cattolicissima Irlanda che una donna, anziana, durante la celebrazione eucaristica avvenuta nella chiesa di San Salvatore a Limerick, in occasione del 54° anniversario della morte di Padre Pio, ha visto il Santo di Pietrelcina. “Vedo il volto di Padre Pio alla finestra”, grida un giornalista francese durante i funerali di Padre Pio. I due  episodi avvenuti a oltre 50 anni l'uno dall'altro, dimostrano che Padre Pio è vivo ed è ormai presente nello spazio infinito di quel Dio che lo ha accolto come vittima d’amore per l’umanità, ricolmandolo di innumerevoli doni mistici che costituiscono un grande segno di credibilità per l’intero mondo cristiano. 


 Donato Calabrese, Storico di Padre Pio 


   Quando ho letto la notizia, stavo riposando. Improvvisamente ho aperto la sezione NEWS di Google, e subito mi è balzata agli occhi la notizia. In un primo momento ho pensato: Dov'è avvenuto? Fosse successo in Italia dove i social media sono ricchi di DIS....informazione in riguardo alle apparizioni soprannaturali (chi mi conosce sa per quali validissimi motivi non credo a Medjugorje), difficilmente mi sarei interessato. Ma è nella cattolicissima Irlanda che nello scorso settembre 2022, una donna, anziana, durante la celebrazione eucaristica avvenuta nella chiesa di San Salvatore a Limerick, in occasione del 54° anniversario della morte di Padre Pio, ha visto il Santo di Pietrelcina. 

   “Una 92enne dice di aver avuto un'apparizione di Padre Pio, durante una messa in una chiesa irlandese. Nelly Cosgrave era con una sua amica, insieme ad altri 500 fedeli, in una chiesa di Limerick, in Irlanda, per celebrare nella chiesa di San Salvatore il 54° anniversario della morte di Padre Pio e proprio in quel momento la donna dichiara di aver visto il frate. «Mai nella mia vita avrei pensato che sarebbe potuto accadere - ha detto Nelly - Sono rimasta davvero scioccata. Continuo a pensare “Perché io? Vuole che faccia qualcosa per lui?». 

   Tantissime le chiamate dei credenti alla Liveline di Joe Duffy, per raccontare durante lo spettacolo RTE delle proprie visioni del frate cappuccino. Il gruppo di preghiera si riunisce due volte al mese, ma nei giorni di festa di Padre Pio la chiesa è sommersa da persone che cercano benedizioni dal guanto curativo di Padre Pio. Una foto ingrandita di Padre Pio – scattata dalla leader americana del gruppo di preghiera Cindy Rooso – era al centro dell'altare mentre padre Bernardino Maria Soukup celebrava la messa. «Ho guardato l'immagine ed era tutta illuminata, come se fosse stato acceso un interruttore», racconta Nelly. «Era tutto argenteo e luccicante», aggiunge la 92enne. «Ciò è durato un po', poi la figura di Padre Pio è apparsa tutta vestita di marrone con la corda bianca intorno alla vita. Indossava i guanti. L'ho visto distintamente, un uomo di piccola taglia. È apparso dopo lo scintillio e il pavimento è diventato tutto rosso come un tappeto». 

   Sbigottita dalla visione la donna dà un colpo alla sua amica che stava guardando nella stessa direzione. «Ha detto di aver visto Padre Pio cambiare colore e scendere sull'altare», ha detto Nelly. «Abbiamo continuato a cercare, poi è svanito nel nulla e tutto è tornato alla normalità». 

   Il padre di due figli, Philip Scanlon, che lavora con i monaci francescani di Moyross, era seduto di fronte alle donne in preghiera quando Mary ha cercato di attirare la sua attenzione. «Sentivo Maria che mi dava dei colpetti e pensavo: “Perché fa così durante la messa?”. Non mi pento di non essermi voltato. Non dovevo vederlo. Era apparso, già nello stesso punto, a tre donne, nessun uomo. Non mi ha sorpreso quando è apparso a Nelly». Filippo aggiunge: «Non sono persone che inventano queste cose. Le persone con una fede forte come loro non mentono. Padre Pio mi ha fatto miracoli e ha guarito mia moglie Mary due volte dal cancro»”. Fine della storia. 

   Ho sempre affermato che l'Italia viva una fase di grande decadenza di fede, mentre l'Irlanda, la Polonia, e il Portogallo sono le aralde del Cristianesimo in Europa, vivendo una fede profonda e radicata, oltre che fecondata, da lunghi periodi di sofferenza. Quindi ho subito creduto all'apparizione del Santo di Pietrelcina, la cui devozione è molto diffusa nella verde Irlanda. 

   Questa storia mi consente di raccontare un episodio analogo avvenuto a San Giovanni Rotondo dopo la morte e il funerale di Padre Pio. Ho riportato questa storia in una delle bozze del mio ultimo libro su Padre Pio, eliminandola, poi, nella bozza definitiva. Per tutti gli amici devoti del nostro Santo, la pubblico in questo ambito, perché ha del sensazionale, e dimostra che Padre Pio è più mai vivo, presente, e operante, nella Chiesa. 
   
   “VEDO IL VOLTO DI PADRE PIO ALLA FINESTRA”, COSI GRIDA UN GIORNALISTA FRANCESE 

 LEGGI TUTTO 





VISITARE I LUOGHI DI PADRE PIO: 

PELLEGRINAGGI, GITE, O SCAMPAGNATE?


Donato Calabrese

   Non c'è che un'unica risposta, perché le altre non le prendo nemmeno in considerazione: IO SCELGO I PELLEGRINAGGI. Come quello partito da Telese Terme, ieri pomeriggio, giorno di sabato 9 luglio 2022.

    Come figlio spirituale, oltre che storico di Padre Pio (avendo studiato tutta la sua vita e metterla per iscritto nei miei tre libri a lui dedicati), oggi 10 luglio 2022, ho provato una gioia profonda, perché da tempo non vedevo un vero, sincero, autentico, pellegrinaggio a Pietrelcina: nella partispecie, in quella contrada di Piana Romana, vera Oasi dell'Infinito dove Gesù e la Mamma sua apparvero a Padre Pio il 7 settembre 1910, donandogli quelle stigmate che lo hanno accompagnato per tutta la sua vita.


 LEGGI TUTTO 



IL GRUPPO DI  PELLEGRINI PROVENIENTE DA TELESE



Per comunicarci le vostre testimonianze

cliccate qui sotto:


 Padre Pio nella mia vita 



Immacolata Musco

Dedico questo sito all'amatissima memoria di mia madre Concettina Musco, qui nella foto,

per aver trasfuso, in me, la devozione per Padre Pio da Pietrelcina

 

ATTENZIONE:

Tutti i testi di questo sito (comprese le pagine collegate) sono copyright. Pertanto il loro l'utilizzo, senza l'autorizzazione da parte dell'autore, Donato Calabrese, è assolutamente vietato, ai sensi delle leggi vigenti.


Copyright © 1998 by Donato Calabrese

All rights reserved

Chi è Donato

Donato Calabrese Autore di quesot Sito


Donato Calabrese

Storico di Padre Pio

Guida Turistico Spirituale per Pietrelcina

Donato Calabrese




Telebene 


è una televisione web cristiana impegnata nell'evangelizzazione e nella divulgazione della Buona Novella annunciata da Gesù Cristo, Figlio di Dio.

  Una Televisione web che vive ed opera senza alcun aiuto, senza fini di lucro, e senza alcun aiuto economico, ma solamente animata dallo spirito di servizio dei suoi collaboratori che gratuitamente hanno ricevuto e gratuitamente sono chiamati a dare. Questo è il vero, autentico, spirito che permea ogni anima che vive immersa nella dimensione mistica di un Dio che è amore, offre amore, e richiede amore gratuito dalle sue creature.

 

Telebene


cura il programma televisivo settimanale Vivere la Speranza, che è trasmesso, anche sul digitale terrestre, da TELESPERANZA di Benevento (Canale 98-603) e da TELEGOLFO, la Televisione del Golfo di Gaeta (Canale 810)



 Telebene 











Aggiornato al  9 settembre 2022


Sito a cura di Donato Calabrese